Ventiduesimo Evento (0)

Nell’incantevole scenario dell’Isola di Salina, in collaborazione con il comune di Santa Marina, si svolgerà la penultima tappa dell’attività di divulgazione del progetto INOVENO.

Sarà un momento dedicato alla presentazione dei vini sperimentali alla stampa, ai produttori locali, alle autorità presenti nell’arcipelago dell’Isole Eolie.

Infatti, l’ obiettivo è quello di far conoscere agli intervenuti, le caratteristiche uniche dei vini realizzati.

L’IRVO infatti ha selezionato una gamma di lieviti Saccharomyces Cerevisiae ad uso enologico, che garantiscono la produzione di aromi secondari qualitativamente e quantitativamente differenti rispetto a quelli prodotti da lieviti selezionati in altre aree geografiche ed oggi in commercio, tali da attribuire una particolare tipicità ai vini prodotti.

Santa Marina, è uno dei tre comuni dell’Isola di Salina che conta complessivamente 2.300 abitanti. Formata da sei antichi vulcani; ed è proprio qui che si registra, il primo ed il terzo rilievo più alto dell’arcipelago: “il Monte Fossa delle Felci” ed il “Monte dei Porri” che conservano la tipica forma conica.

Salina è l’Isola più fertile e ricca di acqua delle Eolie. Di particolare importanza sono: la coltivazione della vite da cui si ricava la Malvasia, un vino passito dal colore ambrato. Il sapore dolce ed aromatico, lo rendono un vino particolarmente adatto per accompagnare dolci e frutta. Altro frutto tipico dell’Isola, è la pianta del cappero, esportato in tutto il mondo per insaporire le pietanze. Infine importante risorsa, è senza dubbio il turismo, le spiagge sono frequentatissime, in particolar modo quelle di Santa Marina, dove si trova il pittoresco laghetto e la romanticissima spiaggia di Pollara, sovrastata da una impressionante parete bianca semicircolare, ciò che resta dell'interno di un cratere spento.

La presentazione dei Vini sperimentali avrà inizio Venerdì 12 Luglio 2013 alle ore 18.30, presso l’Aula Consiliare del Comune di Santa Marina (ME) – Salina (Isole Eolie).

 

Informazioni aggiuntive